Heinz Emigholz

È uno dei primi film di Emigholz (1975/6) in cui il regista tedesco sperimenta la sua visione del contesto cinematografico avanguardistico europeo. Hotel, una pellicola in bianco e nero da 16mm (27’), mostra “un’interazione complessa tra composizioni temporali astratte, o movimenti cinematografici, e selezionati paesaggi urbani e naturali” (“A Scene Near Schenec-Tady” in Heinz Emigholz. Normalsatz. Siebzehn Filme, Ronald Balczuweit et al, Berlin: Schmitz, 2001, p. 39)

Heinz Emigholz (1948, Achim, Germania) è un film-maker, attore, artista, scrittore e produttore. Ha una preparazione come illustratore e ritoccatore fotografico e ha studiato letteratura all’Università di Amburgo. Dal 1973 lavora come artista indipendente negli Stati Uniti e in Germania. E nel 1978 fonda la casa cinematografica Pym Films. Tra il 1993 e il 2013 è professore di filmografia sperimentale all’Università delle Belle Arti di Berlino, oggi insegna in molti atenei tra la Svizzera e la Germania. Dal 2012 Emigholz è membro della Akademie der Künste Berlin nella sezione Arti Visive.
Sede: Berlino, Malta
Filmografia: Streetscapes [2+2=22; Bickels; Dieste; Streetscapes] (2017) Two Museums [Photography and beyond – Part 22] (2012/2014); Five music videos for the band KREIDLER (2012-2013); The Airstrip [Decampment of Modernism – Part III, Photography and beyond – Part 21] (2013); Parabeton – Pier Luigi Nervi and Roman Concrete [Decampment of Modernism – Part I / Photography and beyond – Part 19] (2012); A Series of Thoughts [Miscellanea V, VI, VII und IV] (1987-2011); Zwei Projekte von Frederick Kiesler (2006-2009); Sense of Architecture (2005-2009); Loos Ornamental (2008); Schindler’s Houses (2006–2007); Miscellanea III (1997–2005); The Basis of Make-Up III (1996–2005); D’Annunzios Cave (2002–2005); Goff in the Desert (2002-2003); Maillart’s Bridges (1995-1999); Sullivan’s Banks (1993-1999); The Holy Bunch (1986–1990); Die Wiese der Sachen (1974–1987); The Basis of Make-Up (1979–1984); The Basis of Make-Up I (1974–1983); Normalsatz (1978–1981); Demon. The Translation of “The Demon of Analogy” by Stéphane Mallarmé (1976/77); Hotel (1975/76); Stuhl (1974/75); Tide (1974); Arrowplane (1973/74); Schenec-Tady III (1972–1975); Schenec-Tady II (1973); Schenec-Tady I (1972/73); Morningglory-Fragments (1971)
Fonti: sito internet