Il Pavillion di Frida Escobedo

Geometrie semplici e giochi di luce per il padiglione estivo nei Kensington Gardens firmato da Frida Escobedo

Un recinto nero e leggero, composto dall’intersezione di due volumi rettangolari in celosie di tegole di cemento. Frida Escobedo (1979) è il più giovane architetto chiamato a progettare il Serpentine Pavillion – il padiglione temporaneo che dal 2000 contraddistingue i Kensington Gardens – e la seconda donna dopo 18 anni di distanza da Zaha Hadid.

Il Pavillion è una costruzione leggera e sofisticata, composta da un fitto reticolo di tegole impilate su pali in acciaio: “è tutta una questione di piccoli momenti che si sommano, è uno spazio fatto per essere scoperto”, ha detto Frida Escobedo. Nella corte racchiusa al suo interno c’è una tettoia ricoperta da specchi riflettenti e un bacino d’acqua triangolare che enfatizzano i giochi di luce e ombra creati dal sole nel corso della giornata.

Il Serpentine Pavilion 2018 sarà la sede delle Park Nights. L’intero programma di workshop, spettacoli e conferenze affronterà i temi del tempo e del movimento, gli stessi che hanno ispirato e guidato Frida Escobedo durante la progettazione del padiglione.
Londra //15 giugno – 7 ottobre 2018
Serpentine Pavilion 2018
Serpentine Gallery
Kensington Gardens, Londra
www.serpentinegalleries.org