Marco Guazzini

Mi piace come nella serie Abstract vengono raccontate le carriere degli artisti e come emerga che, più che un lavoro, la loro è una necessità di vita

In A Marwoolus Journey (2015, documentario presente alla IV edizione di MDFF) il designer Marco Guazzini affida al video il racconto del suo punto di vista, “la narrazione – fatta di colori, luci e musica – che trasmette la poetica da cui sono stato ispirato” – per dirla con le sue parole.

Gli chiediamo che cosa sia importante che il video restituisca del mestiere del designer. “Può descrivere la realtà in cui è calato il progettista: da dove proviene, che cosa circonda il suo vivere quotidiano, quali architetture e suoni. Per il designer il video è uno strumento che aiuta a comprendere il pensiero che ha generato i progetti e poi i prodotti. In A Marwoolus Journey è emerso il mio rapporto con la materia. Adoro toccare i diversi materiali, odorarli, poi assemblarli o plasmarli. Un po’ come in cucina. Marwoolus è stata una sperimentazione continua fino ad arrivare a una formula con un’estetica equilibrata. Ho intenzione, prossimamente, di sviluppare un video con la tecnica stop motion per spiegare Marwoolus più da vicino: ingrandimenti sulla materia e sulle tecniche di produzione”.

Che cosa ti piace guardare? “La serie Abstract: The Art of Design di Morgan Neville (2017) su Netflix. Si tratta di documentari dove si affrontano le varie discipline del design. I protagonisti sono persone che possiedono un talento e che attraverso questo riescono a esprimere qualcosa di straordinario, che trasmette emozioni e che rende unici i loro lavori. È bello vedere come vengono raccontate le carriere di questi artisti e come in realtà più che un lavoro sia una necessità di vita.

Come viene fuori secondo te la figura del designer nella serie? “Sono documentari eseguiti e diretti benissimo. Si conosce la storia dei protagonisti, le loro vicende e ciò che li ha ispirati e influenzati, e i motivi per cui hanno scelto la professione. Il livello tecnico è da fiction ma la realtà viene rappresenta senza filtri narrativi. Spesso è il protagonista che si racconta e che ci racconta. Il designer emerge come qualcuno che innescare un cambiamento: un innovatore con la necessità costante di ideare e progettare per contribuire all’evoluzione dei punti di vista sulla realtà, dei modi di vivere e dell’interazione”.